Con il patrocinio di:

 

REGIONE TOSCANA

PROVINCIA DI FIRENZE*

COMUNE DI FIRENZE

QUARTIERE 2 di FIRENZE

UFFICIO REGIONALE SCOLASTICO PER LA TOSCANA

* in attesa di definitiva conferma

 

 

 

 

 

NOVEMBRE STENSENIANO 2004

 

HOMO CYBER

 

 

Il fascino, le prospettive e le inquietudini dell’era informatica

 

 

l’Istituto Niels Stensen, ha organizzato per i mesi di ottobre e novembre 2004 una manifestazione culturale sul tema dell’informatica: Homo Cyber – il fascino, le prospettive e le inquietudini dell’era informatica. L’iniziativa costituisce la IIIa edizione del “Novembre Stenseniano”, inaugurato nel 2002, e coinvolgerą diverse istituzioni scolastiche e universitarie fiorentine e della Regione Toscana. Nelle precedenti edizioni abbiamo proposto un percorso culturale sul tema della Trascendenza (L’Occidente e il senso della Trascendenza) e sui 50 anni del DNA (Figli dell’uomo? – Verso nuovi modelle di esistenza a 50 anni dalla scoperta del DNA), con notevole partecipazione di pubblico.

 

 

Cibernetica,  informatica,  rete,  amministrazione elettronica, e-learning, e-democracy, ecc. –  termini che caratterizzano il gergo dell’odierna societą dell’informazione e della conoscenza, – evocano innovazioni che hanno sconvolto il mondo della comunicazione e delle relazioni umane. Aumentano le informazioni, si incrementano e velocizzano prestazioni e servizi, anche se questo non significa che si diffonda migliore qualitą di vita.  Internet, cellulari, TV satellitare, ecc., coinvolgono ormai tutte le sfere della nostra esistenza, dal lavoro alla salute, dalla scuola alla ricerca scientifica, fino al divertimento e alla creativitą artistica. Ma non sono ancora molti coloro che si interrogano sul messaggio profondo di questa rivoluzione, sulle teorie o visioni del mondo che la governano e sulle sue imprevedibili e polivalenti conseguenze. Nella “rete” digitale i dati sono infiniti. Tutto corre da ogni punto a ogni punto della rete globale. 'Realtą' e 'virtuale' si  scambiano i ruoli. Niente prevale. Come orientarsi in un universo omnipervasivo senza punti di riferimento e senza gerarchie condivise di valori? Storia e responsabilitą sembrano perdersi di fronte al crescente divario tra nuovo e senso del nuovo: dobbiamo interrogarci, riflettere sulle implicazioni e ricercare nuovi strumenti concettuali e paradigmi culturali.  

 

 

Abbiamo pensato di declinare il tema nel corso di due mesi. Ci siamo per questo rivolti a molti studiosi italiani e a diverse istituzioni universitarie. Il mese di ottobre sarą caratterizzato dalla proposta di un percorso storico-didattico (Dall’origine dell’informatica fino all’esplosione della Rete), in modo da consentire una migliore comprensione degli elementi di base dell’evoluzione della scienza informatica; il mese di novembre, da un approccio pluri e interdisciplinare, proponendo e valutando alcune tra le conseguenze e implicazioni economiche, antropologiche, religiose e sociali piĚ rilevanti. 

Come ormai Ź nostra tradizione, l’intero percorso sarą accompagnato da un ciclo di 13 film inerenti al tema (allegato 1), con la partecipazione di ospiti e critici cinematografici, e da altri eventi culturali in via di definizione (allegato 2 e 3).

La Foto Illustrativa dell’evento Ź stata gentilmente messa a disposizione dal maestro, tre volte premio OSCAR, Vittorio Storaro.

 

Programma

 

OTTOBRE 2004

 

Sabato 2 ottobre (ore 16,00) : Origini e sviluppo dell’Informatica [Presiede Daniele MUNDICI]

1) Origini dell’informatica: dall’algebra di Boole al calcolatore [Gabriele LOLLI]

2) Aspetti filosofici della storia dell’informatica - Gesti, parole, testi, immagini [Paolo ROSSI]

3) Fra  tubi catodici e transistor un'avventura italiana: la CEP (Calcolatrice Elettronica Pisana)" [Alfio ANDRONICO]

 

Sabato 9 ottobre (ore 16,00): L’informatica di massa [Presiede Pier Luigi CRESCENZI]

1) Il computer: dalla nascita alla sua "scomparsa". Reti di servizi e intelligenza d'ambiente. [Carlo GHEZZI]

2) Settant’anni di informatica testuale: cose fatte, viste e previste [P. Roberto BUSA sj]

3) Informatica Olivetti: storia di una sfida perduta [Lucio BORRIELLO]

 

Sabato 16 ottobre: (ore 16,00)  Lo sviluppo e le prospettive della strumentazione informatica [Presiede Rocco DE NICOLA]

1) Software: parlare con il computer [Daniel Pierre BOVET]

2) Hardware: verso quale futuro? Il processore quantico [Giacomo Mauro D'ARIANO]

3) Reti neurali e Intelligenza Artificiale [Marco GORI]

 

Sabato 23 ottobre: (ore 16,00)  L’esplosione della Rete [Presiede Alberto DEL BIMBO]

1) Dalle applicazioni militari alla rete globale: una breve storia di Internet [Domenico FERRARI]

2) I primi passi di Internet in Italia [Marco SOMMANI]

3) Navigare nel passato: storia, memoria, archivi nella Rete [Stefano VITALI]

 

 

NOVEMBRE 2004

 

Sabato 6 novembre (ore 16,00): ECONOMIE - Digital Economy [Presiede Piero MEUCCI]

1) Economia globale e nuove tecniche dell’informazione [Carlo Alberto CARNEVALE MAFFE’]

2) Mercati elettronici e moneta digitale [Andrea BONACCORSI]

 

Sabato 13 novembre (ore 16,00): RELIGIONI - Religio informatica [Presiede Pietro DE MARCO]

1) Internet e nuovi movimenti religiosi [PierLuigi ZOCCATELLI]

2) Internet e fondamentalismi [Massimo INTROVIGNE]

3) Formazione alle scienze religiose in Internet: l’esperienza di CorsiWeb [Raffaella DI MARZIO]

 

Sabato 20 novembre (ore 16,00): FILOSOFIE - Homo Cyber: [Presiede Paolo LEONARDI]

1) L'autorevolezza nell'epoca di Google: il sapere in Rete [Roberto CASATI]

2) L'altro da sé: l'identitą virtuale [Paolo FABBRI]

 

Sabato 27 novembre (ore 16,00): POLITICHE - Cyber Democracy - [Presiede Stefano GRASSI]

1) Partecipazione e decisione politica [Ugo DE SIERVO] [Stefano RODOTA’]

2) Regole e diritti nella cybersociety [Enzo CHELI] [Marco GORI]

3) Intervento straordinario di Beppe GRILLO

 

 

 

 

Allegato 1

Rassegna Cinematografica

CTRL+ALT+CINEMA

 

Esiste una letteratura cinematografica straordinaria riguardo ai primi calcolatori, ai robot (basti pensare a "Il mondo perduto") e, dagli anni 70 in poi, ai computer. Il Cinema, in gran parte quello americano, ha prima attinto all'informatica, poi se n'Ź lasciato affascinare nelle sue implicazioni e in gran parte ne Ź stato sopraffatto - non riuscendo piĚ a parlarne in modo centrale, piĚ che altro sfruttando il mezzo al servizio degli effetti speciali.

La rassegna vuole rappresentare un equilibrio tra i grandi classici del passato, gli esperimenti visivi, le implicazioni filosofiche e i ripescaggi da epoche non sospette. Il tutto secondo tradizione stenseniana e cioŹ con un commento finale che sempre di piĚ vorrą combinare la critica prettamente cinematografica alla contestualizzazione della rassegna che ospita il film. Recuperando allo stesso tempo una trilogia "Pop" come quella di Terminator, che risulta essere paradigmatica dell'evoluzione del cinema americano nei contenuti e nella ricerca stilistica, da metą anni 80 all'inizio degli anni 2000. Senza dimenticare che il secondo capitolo Ź un caposaldo nella storia degli effetti speciali visivi - avendo di fatto aperto la strada all'uso massiccio della computer grafica al cinema.

 

2001 – Odissea nello spazio di S. Kubrick – GB 1968 – 141’

 

FILM in attesa di conferma

 

Blade Runner di Ridley Scott – USA 1982 – 124’

 

Intelligenza artificiale di Steven Spielberg – USA 2001 – 146’

 

Wargames – Giochi di guerra di John Badham – Usa 1983 – 110’

 

20 anni di Computer e cinema: La Trilogia dei Terminator

Terminator di James Cameron – USA 1984 – 108’

Terminator 2 – il giorno del giudizio di James Cameron – USA 1991 – 136’

Terminator 3 – le macchine ribelli di J. Mostow – USA/GB/D 2003 – 109’

 

Naqoyqatsi di Godfrey Reggio – USA 2002 – 89’

 

Il Decalogo 1 di K. Kieslowski – POL 1989 – 53’

e Metropolis di Fritz Lang – D 1926 – 87’

 

Mouse without tail di Park Won-chul – Corea del Sud 2001 – 15’

Thomas in Love di Pierre-Paul Renders – BEL/F 2000 – 97’

 

Agente Lemmy Caution, missione Alphaville di J.L. Godard – F 1965 – 98’ 

 


Allegato 2

Bit-Art

Esposizione d’arte contemporanea

 

Le evoluzioni e le tecniche informatiche sono spunto e rielaborazione per l’artista che si muove sul filo della contemporaneitą. Gli elementi presenti nella vita quotidiana, come i virus, i videogiochi o i siti internet e gli elementi trasmigrati dal quotidiano come l'attualitą geopolitica, le manifestazioni di piazza, sono pretesti per presentare sotto altre forme o mentite spoglie le paure e le suggestioni del mondo globalizzato.

Un modo per interrogarsi sul concetto di arte nell’epoca dove la tecnologia fagocita e illude tutto e tutti.

 

Artisti & Opere presenti:

 

0100101110101101.org

Biennale.py. Macchina Perpetua Auto Dis/Infettante

Vaticano.org: il primo colpo di stato in Internet

 

0100101110101101.ORG, Ź una coppia di artisti che utilizza tattiche comunicative non convenzionali per ottenere la massima visibilitą con il minimo sforzo. Lavori passati includono la creazione di un artista inesistente, la replica del sito della Santa Sede e la diffusione di un virus informatico come opera d’arte. Italiani, vivono e lavorano a Barcellona e sono conosciuti e apprezzati a livello internazionale. Hanno esposto tra l’altro a Francoforte, New York, Tokyo, Valencia e alla biennale d’arte di Venezia.

Sito: http://www.0100101110101101.org

 

Marco Cadioli

Reportage fotografico dalla rete: Mayday Netparade 2004

 

Marco Cadioli vive a Milano. E’ responsabile dell’area "Digital Media" dell’Accademia di Comunicazione della stessa cittą. Durante i suoi viaggi on line, scatta fotografie dei luoghi piĚ interessanti e che lo colpiscono. In questo modo analizza il paesaggio in evoluzione di internet e dal 2003 presenta i reportage nel progetto on line Internet Landscape.

Sito: www.internetlandscape.it

 

Mauro Ceolin

Videogioco “Google battle”

 

Mauro Ceolin vive e lavora a Milano, la sua ricerca artistica si muove principalmente nell’ambito informatico, attraverso lavori su videogiochi e prospettive interattive.

E’ conosciuto e apprezzato anche al di fuori dei confini nazionali, soprattutto nel continente americano e in estremo oriente.

Sito: www.rgbproject.com

 

Lorenzo Pizzanelli

Installazione “Moschea”

 

Lorenzo Pizzanelli vive e lavora a Firenze, ha da sempre affrontato l’arte attraverso installazioni che coinvolgessero attivamente il visitatore-spettatore. Ha proposto visite guidate attraverso una personalissima storia dell’arte, ha scolpito un blocco di marmo virtuale e sta completando un videogioco “iconoclasta”. Le sue opere sono state viste e vissute in tutto lo stivale.

            Sito: www.pizzanelli.com

 

 

 

 

 

Allegato 3

 

Progetto musicale

 

PerchŹ un evento musicale all’interno di Homo Cyber? – Si puė forse parlare di “rivoluzione informatica” senza considerare il settore, in cui l’apparire del computer ha modificato cosď profondamente l’ambito compositivo, produttivo, distributivo e di fruizione come nel caso della musica?

Saranno due gli eventi che affronteranno l’aspetto musicale. Una tavola rotonda tra giornalisti, musicisti e docenti delle nuove tecniche del suono. Una serata con concerto e Dj-set per offrire una panoramica dell’eclettismo del percorso musicale contemporaneo.

 

Gli ospiti e la data definitiva sono in corso di definizione.

 

 

 

+ EVENTO SPECIALE Cinematografico  alla presenza del regista - in corso di definizione

+ EVENTO SPECIALE Video  sul concetto di Hacktivism – in corso di definizione

+ EVENTO CELEBRATIVO   con le istituzioni e alcune aziende rappresentative dell’informatica nazionale e internazionale